CALCIO E BASKET, IL SILENZIO DEL DECLINO

rubrica gocce di Veleno     

Scusate,  non so se ve ne siate accorti anche voi, ma aleggia la sensazione strisciante che lo sport locale stia andando a meretrici. Un rotolare lento, inesorabile e sorprendentemente silenzioso, non tanto di per sé, quanto perché non c’è la volontà, a differenza del passato, di attaccare in questo momento alla città l’etichetta del declino. Sulle note, e non del tutto imprevedibili, disgrazie della Triestina, dopo le voci su un fantomatico gruppo di investitori del centro Italia portato dall’ex moviolista di Biscardi Fabio Baldas, si è calato il silenzio, collette dei tifosi escluse. Sul versante basket, a parte il fatto che l’ex presidente e attuale socio sia stato richiuso nelle patrie galere per una presunta storia di usura, per il resto tutto a posto. C’è da chiarire magari chi tamponerà i 300mila Euro che il suddetto ex presidente garantiva annualmente e che rappresentano quasi un terzo del bilancio annuale della società biancorossa. Come se ne esce, dal momento che quasi tutto il resto del budget è sulle spalle di Acegas? Anche in questo caso non diciamo risposte, ma quantomeno la parvenza di una strategia complessiva – ammesso che ci sia – da parte di chi di tutto ciò dovrebbe non dico occuparsi, ma almeno preoccuparsi, risulta essere in superficie del tutto assente. Forse per ricordarci che esiste un assessore comunale allo sport dobbiamo accontentarci delle foto ricordo?

Le istantanee che rimangono per sempre…..

Annunci

I commenti sono chiusi.