Il solito simpaticone: troppo basso il prezzo del biglietto del treno

Lo avevamo lasciato che voleva vendere la sua barca perché Monti ha aumentato le tasse sulla nautica. Come dire che tutti noi – non milionari – dovremmo mettere sul Mercatino la macchina quando aumenterà il bollo. Oggi in un fantastico intervento sul Piccolo, tecnicamente ineccepibile, sullo stato dei collegamenti ferroviari che isolano Trieste, l’ex sindaco, già onorevole, nonché ex presidente della Regione, ad un certo punto rischia il deragliamento quando dice che in questi anni la politica populista ha tenuto basso (forse per le sue tasche) il prezzo del biglietto del treno, sacrificando per questo la qualità del servizio. Ma sì giusto: che si svenino per viaggiare questi pezzenti. Anzi, aboliamo direttamente la seconda classe e facciamo le carrozze esclusive per fighetti: smartphone, tablet, odore di lavanda, cachemire, champagne e caviale. E caffè, ovviamente.

Annunci

I commenti sono chiusi.