Due pagine dedicate a Trieste sul Corriere, tra storia e luoghi comuni. Nel video non compare il Sindaco, solo Illy e Menia

Due paginate su Trieste pubblicate dal Corrierone nazionale. Si è scomodato il piemontese Cazzullo, che cura una serie di approfondimenti sulle città italiane. “I triestini dicono no, e poi fanno tutto; a differenza degli italiani, che dicono di sì e poi non fanno niente”. “Per avere un antibiotico senza ricetta si viene rimproverati da quattro farmacisti…”. Cosa che non dovrebbe essere neanche tanto strana, in teoria, a meno che non si provenga da qualche villaggio del Burundi. Piccole note di folklore a parte e un anacronismo sui Casinò sloveni (non ci va più nessuno, sia per la crisi, sia per le case da gioco ormai aperte in ogni angolo della città), per il resto una fotografia della città, specialmente per quel che riguarda le sua storia passata, abbastanza attendibile. Nel video, a far da Ciceroni della città, solo due i politici, ma niente sindaco Cosolini, che sarebbe stato il più titolato a farlo, rappresentando per il ruolo che ricopre tutti i triestini: solo spazio invece (piccolo) per Menia e (più grande) per Illy, che politico magari è un po’ ex, ma imprenditore ed inserzionista pubblicitario lo è eccome.
Il video: http://video.corriere.it/trieste-scommessa-scienza/66deafa0-6635-11e1-be51-f4b5d3e60e3d
L’articolo: http://www.corriere.it/cronache/12_marzo_05/trieste-cazzullo_dc73bfea-668e-11e1-a7b0-749eb32f5577.shtml

Annunci

I commenti sono chiusi.