La cultura cambia passo a Trieste: a maggio parte la nuova saletta della Provincia da un centone e passa all’anno

Finalmente in città nuovi spazi per la cultura. Importanti eventi potranno trovare infatti linfa dal nuovo sito di Corso Cavour (vedi foto d’epoca) per il quale la Provincia pagherà d’affitto al Porto oltre 100mila Euro all’anno: 878 metri quadri che si sommano alle altre strutture presenti in città, in buona parte sottoutilizzate, per l’attività di un Ente così importante la cui rilevanza geografica in proporzione ad altre province è paragonabile a quella di un bosone, ultima frontiera delle nanotecnologie. In programma naturalmente rassegne d’arte e fra i nomi benevolmente lasciati filtrare dagli amministratori provinciali spicca quello di Bogdan Grom, di Devincina, residente negli Usa, ma spesso in Europa. Precisato per i non superesperti che i gelati Grom sembrano non c’entrare molto e che Devincina non è un antibiotico ma una frazione del Comune di Sgonico, aggiungiamo che nello spazio in oggetto saranno ospitati anche alcuni uffici, oltre che una sala dedicata alle proiezioni e alle conferenze da addirittura 80 posti (grande come quella che sta ammuffendo in Pescheria), sufficientemente capiente per vedere le diapositive delle vacanze e per ospitare le riunioni di condominio. Il tutto per una Provincia che, con la bellezza di ben sei comuni (Padova, giusto per fare un esempio ne ha 104…), soddisfa così l’impellente necessità di allargare i propri orizzonti d’azione a quelli che rappresentano degli indubbi benefici per i contribuenti

Annunci

I commenti sono chiusi.