UN’ALTRA PADANIA: ALCHIMIE POLITICHE A DUINO

 

Nuova alchimia politica in Provincia: alle comunali di Duino va in onda la fusione fra la la Lega Nord, un po’ acciaccata dagli scandali lombardi, e Un’altra Duino, movimento che fa capo all’ex patròn della Bavisela, Franco Bandelli. Oggi infatti appare la notizia che sono stati proprio i bandelliani ad aver ceduto il candidato sindaco all’ ORDA PADANA (vedi foto sotto). A tal proposito sarà il noto Urlini a fare da aspirante primo cittadino: oddio, con i limiti imposti dall’aritmetica, visto che alle ultime elezioni provinciali i seguaci di Bandelli hanno preso l’1,70%, che, sommato al 5,41 della Lega, fa un 7 e qualcosa per cento che potrebbe non bastare per fare un consigliere comunale, ma che permette alla sinistra di guardare con meno ansie alla competizione elettorale, visto il frazionamento del campo avversario. Chi è rimasto a bocca asciutta è  il transfuga del Pdl Maurizio Turrini, che coltivava l’ambizione di correre in prima persona per il ruolo di borgomastro. A tal proposito la sua assenza alla conferenza stampa di ieri potrebbe essere indice di una delusione che deve ancora essere metabolizzata, dato che – seppur da annunciato capolista – numeri alla mano rischia concretamente la trombatura. Ma per lui questo non sarà l’unico boccone amaro da buttar giù: correre sotto la lista padanizzata significherà rinunciare simbolicamente anche al tricolore, difeso dallo stesso Turrini più volte nella sua carriera di consigliere comunale. D’altronde sulla materia le istruzioni da seguire le ha prescritte da tempo lo stesso Bossi: la bandiera italiana va buttata nel cesso, proprio come le aspirazioni di fare il sindaco…

padania is not italy > duino is not italy

Annunci

I commenti sono chiusi.