Giallo sulla centrale a biomasse a di Opicina: il sindaco scopre sul giornale quello che il suo assessore sapeva da mesi….


Il silenzio dell’Assessore … nei confronti del Sindaco

Una centrale termoelettrica a biomasse non ha proprio l’impatto ambientale di una fabbrica di tappi da sughero, eppure attorno a questo nuovo insediamento industriale in quel di Opicina aleggia come un velo di impalpabile mistero. Diciamo che le reazioni del Comune non sono proprio da manuale del bravo amministratore: il Sindaco dice di aver scoperto la cosa dal giornale, mentre l’ assessore Marchigiani (vedi immagine) dichiara sul Piccolo di aver incontrato già a gennaio i rappresentati della società che intenderebbe avviare i lavori. Il tutto, evidentemente, senza dire niente al Primo cittadino, ovvero non tenendolo al corrente di un progetto strategico per lo sviluppo del territorio, come incontrovertibilmente può essere definita una nuova centrale a biomasse. Problemi di comunicazione (o di memoria) a parte, manca fino adesso all’appello l’allegra macchina da guerra delle associazioni ambientaliste, sempre pronte impedire che si muova paglia, specialmente sul Carso. Il loro silenzio, pur in presenza di un progetto invasivo, rende ancora più surreale il quadro di una città ormai anestetizzata da convegni, tavoli e riunioni, e sempre più in preda all’allarmante sensazione di non avere certezze sul proprio futuro. O meglio, che per conoscerlo deve aspettare che il Sindaco legga il giornale.

PS. CURIOSITA’ : avete mai provato ad ingrandire al massimo la falena riprodotta sulla locandina del noto film il Silenzio degli Innocenti ??
Beh, è chiaro che sul dorso dell’insetto ci sia un teschio, ma ingrandendo ancora …..
…….si vedono sette corpi di donne nude ! 
(e non siamo stati noi del bollettino a farlo, è proprio così sulla locandina originale)

Annunci

I commenti sono chiusi.