Dilettanti allo sbaraglio: il Comune di Trieste rischia il commissariamento. E intanto l’Assessore manda la gente a cagare.

Presentano una delibera illegittima, la ritirano e adesso c’è la lotta contro il tempo. Dead-line lunedì, se non viene approvata entro questo termine scatta l’iter per il commissariamento. Un piccolo capolavoro dell’assessore al bilancio, l’avvocato Consoli, che per la variazione di bilancio si è dimenticato (la responsabilità politica è sua) di chiedere il parere delle circoscrizioni. Non pago della cazzata combinata, da buon esponente della società civile, all’esterno del Palazzo municipale l’assessore ha pensato bene di mandare a cagare due esponenti del Pdl (pare si tratti di Giacomelli e Rovis), davanti agli occhi, anzi alle orecchie, del giovane esponente dell’Idv Cetin, così come riportato oggi dal Piccolo. ( si dice che i pidiellini abbiano innervosito Consoli  perchè si erano “permessi” di pretendere la sua presenza ai lavori nella commissione bilancio che l’assessore ha invece disertato ). Una giornata che ben fotografa quanti anni luce la competenza, l’atteggiamento e i modi distanzino l’esponente della giunta Cosolini dal suo predecessore, l’ex alto dirigente di Unicredit Giovanni Ravidà, al punto che persino dai banchi della maggioranza, verrebbe riconosciuto l’esito impietoso, per Consoli, del confronto. Appuntamento allora per lunedì sera (ore 21), in attesa di conoscere quale finale il civile, competente e sobrio assessore riserverà a questa delibera diventata una commedia trash. Speriamo quindi, viste le premesse, che i servizi igienici del municipio siano tutti funzionanti, per qualsiasi grossa e solida evenienza durante la seduta …….. del Consiglio Comunale.

Annunci

I commenti sono chiusi.