Nipote di Tito show: eccoli, tocchi gli altarini e partono offese e minacce. La sinistra di sempre.

pubblichiamo il commento di Vanja Macovaz, della Lista di Sinistra dell’università triestina e di seguito, ovviamente la nostra replica.

Vanja Macovaz : ” visto che vi divertite tanto a fare i giornalisti, abbiate almeno la decenza di firmare gli articoli, che un po’ si sappia chi scrive cosa e che si possa controbattere a tono o, alla più sporca, passare per vie legali nei confronti di articolista e testata, qualora se ne presenti l’occasione.
Mi pare di capire che la vostra linea editoriale sia semplicemente la cosa più fascista esistente a trieste (e con fascista non intendo il “duce duce” che non mi stupirei di trovare nel cuore e nel verbo di qualche vostro giornalista, bensì alla diffamazione ed ai metodi terrificantemente stupidi ed ignoranti con i quali vi ponete al pubblico) “

Abbiamo osato mettere in dubbio l’opportunità di mettere in scena all’Università di Trieste una rappresentazione teatrale scritta dalla nipote del maresciallo Tito, la quale si dichiara orgogliosa del nonno, ed eccoli qua, che escono con il solito rituale. Ma infondo li conoscevamo bene: quando c’è qualcuno che osa attaccare i loro altarini, loro spuntano fuori, anzi sputano la più scontata delle accuse: fascisti. Come sempre. Il giovane organizzatore dell’evento in questione però straparla: ignorando i concetti di satira e di diritto di cronaca (la nostra è una testata registrata in tribunale, non all’osteria dell’angolo) si guarda bene di entrare nel merito della questione, perché nel 2012 sarebbe dura sostenere che le foibe sono un’invenzione della destra e che Goli Otok era un villaggio vacanze. Quindi non rimane che l’arma, mai come in questi caso spuntata, delle offese e della minaccia di chissà quali azioni legali che, vista la scompostezza delle accuse, sono per noi delle medaglie al petto.
Nel frattempo segnaliamo che non tutti gli studenti del nostro ateneo la pensano come gli organizzatori di questo evento: proprio oggi infatti verrá organizzato un volantinaggio di sensibilizzazione al quale, vista la tematica di ampio respiro, molto probabilmente parteciperanno anche liberi cittadini. (per dettagli allegiamo il comunicato stampa inviato dai promotori : clicca qui per il comunicato)

Bollettino je nas ? No, il bollettino è libero.

clicca qui per il nostro prcedente articolo sul caso della nipote di tito.

Annunci

I commenti sono chiusi.