Un’altra alleanza. Bandelliani, autonomisti-friulani e secessionisti del Sud pronti a conquistare la RegioneFvg.

20121206-170801.jpg

E’ un fiorire di iniziative e di alleanze il quadro che offre questa precoce campagna elettorale per le prossime regionali. C’è fermento, soprattutto nello spazio aperto delle liste civiche, dei localismi e delle piccole patrie. Capita così che attraverso un’originale alchimia sia stato annunciato il matrimonio fra la lista di Franco Bandelli (Uar), e gli autonomisti friulani. Oddio, non proprio tutti, visto che quegli storici del Movimento Friuli e il professor Marzio Strassoldo da questa alleanza se ne tengono debitamente alla larga. Ma le truppe “autonomiste” al seguito dell’ex patron della Bavisela, nonostante le illustri assenze, sono comunque propagandate come scalpitanti e, fra le sigle più o meno probabili, alcune non passano inosservate: ad iniziare da Insorgenza Civile, un raggruppamento di protesta nato al sud e che in un suo appuntamento politico ad Udine annunciato via web ha registrato l’interessamento addirittura di nove persone. Più prossimi al localismo friulano invece gli scissionisti del Maf (Movimento autonomista friulano) gli ultrasettantenni Pozzo e Visintin, quest’ultimo passato alla storia, più che per l’autonomia, soprattutto per la sua pensione, ottenuta dopo soli 15 mesi di mandato in consiglio regionale. Un nobile primato che porterà di sicuro lustro alla nuova alleanza. Ma per dare una certa sostanza a questo nuovo soggetto servono anche i numeri, non bastano solo gli ideali di Visintin, ed in quest’ottica vanno certamente interpretate le alleanze con il movimento I Cittadini di Jalmicco (frazione di Palmanova) e il SUN, solare acronimo che sta per Sempre Uniti per il Nord. Un nord che per il momento però si ferma a Cordenons, sede del gruppo che, a quanto narrano le cronache del Messaggero Veneto, annovera ben 15 iscritti, in buona parte fuori usciti dalla Lega Nord. Insomma numeri, gioventù e qualità non mancano a questo nuovo serio progetto politico che saprà ritagliarsi senza dubbio il ruolo da protagonista nella prossima contesa elettorale in Friuli Venezia Giulia.

Vonde Monadis, please 🙂

link ad articolo del messaggero

Annunci

I commenti sono chiusi.