Manovra economica : “supposta di stabilità”. Il Ministro ex Banca d’Italia blocca gli stipendi a tutti tranne ai suoi ex colleghi !

supposta di stabilità

supposta di stabilità


Non sappiamo se ne siate al corrente ma il suppostone è pronto e si chiama legge di stabilità, ovvero la manovra finanziaria che decreta il grado di tassazione che penderà sulle nostre teste. Appena uscita dal forno del Consiglio dei Ministri andrà alle Camere per l’approvazione e le eventuali modifiche. Per intanto però quello che emerge è che ai banchieri va di lusso, mentre chi starà peggio sono i proprietari di casa e i pensionati. Il perché è presto detto: banche, assicurazioni e società finanziarie ottengono una norma che consente loro di dedurre fiscalmente in 5 anni, già a partire dal 2013, ai fini Irpef e Irap, le rettifiche sui crediti e le perdite sui crediti. Rettifiche e perdite che, secondo il vecchio schema, erano deducibili solo dall’Irpef e non dall’Irap e con alcuni paletti, sia di tipo quantitativo sia di orizzonte temporale.Trattasi di mera coincidenza poi che il ministro dell’Economia, Fabrizio Saccomanni, sia un ex di  Banca d’Italia e che guarda caso abbia fatto un super regalo ai suoi ex colleghi, sottraendo gli stipendi del personale della Banca d’Italia dalla lista di amministrazioni per le quali è previsto il blocco della contrattazione salariale. Il conto infatti, a proposito di supposte, lo pagheranno i dipendenti del Servizio Sanitario Nazionale.

Annunci

I commenti sono chiusi.