Archivi categoria: amici animali

Abolito il Natale a Trieste. L’assessore Pellaschiar applica la Sharia della Giunta Cosolini e manda al macello il presepe vivente.


Se lo sono chiesti in molti quale poteva essere il senso della presenza dell’assessore Pellaschiar nella giunta comunale. Dietrologie di diverso tipo avevano provato ad individuare lo sponsor politico di questa commerciante di San Giacomo, che in campagna elettorale sembra non aver nascosto la propria simpatia per Franco Bandelli. Di lei, fino a l’altroieri si poteva ricordare solo la brillante delibera con la quale attribuì un contributo all’associazione che aveva sede nel suo negozio.  “L’ingenuitá”, così bollata da quel sant’uomo del sindaco, costò un’indagine della Procura e della Corte dei Conti nonchè una discreta figura di guano sulla stampa. Poi sull’assessore al commercio calò il silenzio, a parte un esilarante video messo incautamente dal Comune sul web ( prontamente ripreso dal Bollettino nella seguitissima rubrica MaiDireGiunta ) dove la Pellaschiar elenca con un certo stile i suoi successi (!) in questo primo anno di governo. Questo fino a due giorni fa, ovvero fino al momento in cui Continua a leggere

Ma cosa ci fanno mangiare? I NAS scoprono maiali nutriti con scarti alimentari destinati alle centrali di biogas.

Ecco i furbetti del prosciutto, che per fare un po’ di cresta nutrivano i maiali con le schifezze: quegli scarti elementari destinati alle centrali di biogas tipo conserve, scarti di forno come parti di pizza e un assortito genere di di rifiuti di origine sia animale che vegetale. E siccome noi siamo quello che mangiamo, alla fine del ciclo alimentare giù botte ai fegati e ai pancreas degli ignari consumatori. Ma si sa che con i NAS non si scherza e così sono stati Continua a leggere

Servizio anti-stronzi: ecco dove chiamare se beccate qualcuno che abbandona i cani (o altri animali)

Un classico dei nostri tempi, purtroppo, è quello dell’animale giocattolo che con l’estate diventa un peso e viene abbandonato ad un destino di sofferenze e spesso di morte, senza contare il pericolo che un cane su una strada può essere, non solo per sé stesso, ma anche per chi vi circola. Parliamo di cani ma la lista è lunga e comprende i pesci rossi buttati al cesso, i criceti mollati ai giardinetti per non parlare del papagallini abbandonati in Carso con una prospettiva di vita di pochi giorni. Ora essendoci una legge, la 281/91 che punisce questo tipo di reato con la reclusione o con l’ammenda fino a 10mila euro, possiamo farla pagare a quei bastardi che si rendono protagonisti di questi odiosi episodi. Quindi se siete testimoni di queste deplorevoli azioni potete chiamare il

PRONTO INTERVENTO AMBIENTALE (Carabinieri)
numero verde 800 253 608

anche in forma anonima, per segnalare maltrattamenti e situazioni irregolari riguardanti gli animali, nonchè il ritrovamento o avvistamento di animali abbandonati.

Link ai numeri utili dell’ arma Carabinieri clicca qui : www.carabinieri.it/Internet/Cittadino/Informazioni/NumeriUtili/

CLICCA SU “CONTINUE READING” PER VEDERE ALCUNI INTERVENTI DEI CARABINIERI A FAVORE DEGLI ANIMALI Continua a leggere

Stop agli esperimenti sugli animali di GreenHill, si mobilita anche Trieste (16 maggio ore 18.30)

Una nostra attenta lettrice ci ha giustamente segnalato che il 16 Maggio alle 18.30 si svolgerà in tutte le piazza d’Italia una manifestazione contro le torture agli animali perpetrate nella tristemente nota GreenHill.
Anche Trieste quindi, farà sentire la sua voce.
Con l’auspicio che il tutto si possa svolgere  in modo pacifico ed equilibrato ne diamo quindi notizia, riportando di seguito il link alla pagina Facebook dedicata all’ evento :
https://www.facebook.com/events/288492447910240/

(grazie a Laura per la segnalazione)

Torture agli animali all’Università di Trieste: presentata un’interrogazione al Presidente della Regione per lo stop alla vivisezione.

La faccenda monta. Dopo che l’iniziativa contro la vivisezione all’Università dei quattro consiglieri comunali (Menis, Andolina, Lobianco e Bertoli) è stata stroncata con il rinvio sine die del relativo documento, qualcosa si muove anche sul piano regionale. In particolare in Consiglio Regionale (Fvg) dove il consigliere triestino del Pdl Piero Tononi ha presentato un’interrogazione al presidente Tondo in cui si chiede senza mezzi termini la chiusura dello stabulario del capoluogo giuliano. Un’interrogazione che esige una risposta scritta e che avrà un certo peso, dal momento che il finanziamento per l’allargamento dello stabulario in parte è anche di provenienza regionale.
Una battaglia, questa contro la vivisezione all’Università di Trieste, che ha coinvolto in maniera trasversale quattro partiti (Grillini, Rifondazione comunista, Fli e Pdl) diversi fra loro in molte cose, ma uniti nell’idea che la lotta per la fine della sofferenza, applicata in maniera inutile su un essere vivente, è una battaglia di civiltà degna di essere combattuta.

Clicca qui per vedere le foto dei quattro consiglieri comunali che hanno sottoscritto la mozione contro la vivisezione (poi rinviata sine die dalla “maggioranza” Pd, Sel, Idv, Lega e Bandelli) e quella del consigliere regionale che ha presentato l’interrogazione al Presidente per lo stop della vivisezione nelle Università del Friuli Venezia Giulia.     

Clicca qui per leggere l’interrogazione presentata al  Presidente della Regione Friuli Venezia Giulia

per gli altri articoli che abbiamo pubblicato su questo scottante argomento clicca su “amici animali” nel menù “le nostre rubriche” che trovi nella colonna a destra della pagina (in basso)

Torture agli animali a Trieste: ecco i nomi di chi a votato per non discutere subito il documento contro la vivisezione all’Università.


Consiglio comunale di ieri: il taglio sarcastico della notizia riguardante il rinvio della mozione contro la vivisezione all’Università ha generato un po’ di mal di pancia negli animi più sensibili. Ce ne doliamo, ma non è colpa nostra se il rimandare alle calende greche della discussione porti acqua, anzi sangue, al mulino delle torture – a detta di molti inutili – inflitte agli animali. Ma siccome non bisogna mai lasciare i lavori a metà, trattandosi di atto pubblico, rendiamo noto l’esito della votazione che ha stabilito il rimando in commissione (sine die) del documento a favore degli animali. Ecco dunque chi si è schierato a favore del rinvio (toh, il Signor Sindaco) proposto dal consigliere Decarli, chi si è astenuto e chi ha votato contro. I politologi ci segnalano che in soccorso della maggioranza, in affanno per varie assenze e defezioni sul tema, è intervenuto il duetto formato dal consigliere della Lega Nord Roberto De Gioia e da Franco Bandelli di Uat (foto), che con il loro voto hanno consentito il rinvio del dibattito sulla mozione (contro la vivisezione) nel corso della seduta di ieri.
(per altre notizie sul caso clicca su “AmiciAnimali” nel menù “Le nostre Rubriche” che trovi nella colonna a destra della pagina)

clicca sul documento per ingrandirlo ulteriormente:

Vivisezione all’Università di Trieste: in Consiglio Comunale un’Altra Maggioranza preferisce rinviare.

Allargamento della sala torture per gli animali all’Università. E’ una priorità, oppure si può rinviare tutto nel porto delle nebbie delle lungaggini amministrative e politiche? Per quattro consiglieri comunali lo è, tanto che hanno firmato una mozione per fermare questo progetto. I loro nomi: Andolina(Prc), Menis(5 stelle), Lobianco (Fli) e Bertoli (Pdl). Ma in Consiglio c’è chi non la pensa come loro: la maggioranza, su proposta di Roberto Decarli (Lista del sindaco), composta da parte del Pd (alcuni hanno votato contro il rinvio, tra cui proprio alcuni medici), Un’altra Trieste e la Lega preferiscono anestetizzare il tutto, rinviando alle calende greche delle commissioni l’analisi della proposta. Campa cavallo, anzi nella fattispecie crepa, non il cavallo magari, ma conigli e pulcini sì, il tutto per sperimentazioni a quanto Continua a leggere

ECCO LE IMMAGINI DEL CORTEO DI SABATO CONTRO LE TORTURE AGLI ANIMALI. NO ALLA VIVISEZIONE ALL’UNIVERSITA’ DI TRIESTE !

Della serie c’erano in tanti. Anche perché molti triestini medi – tipo pensionata con cagnolino al seguito – appena conosciuto i motivi della protesta si sono aggregati al corteo che ha fatto il giro del centro città. Il punto è quello di sensibilizzare, per capire se sia veramente necessario infliggere torture dolorosissime a degli animali che non ci hanno fatto nulla di male. Una manifestazione pacifica e allegra, in cui la componente femminile l’ha fatta da padrona, il che ha ingentilito l’evento. Nessuna reazione intanto dall’Università, messa sotto accusa per questo investimento finalizzato ad ampliare gli spazi destinati alla vivisezione. Il silenzio, anche in questo caso, è sempre il peggior tipo risposta.
clicca su Continue Reading per vedere tutte le altre foto Continua a leggere

Questo pomeriggio adunanza contro le torture sugli animali dell’Università

Questo pomeriggio, ricordiamolo a tutti, è prevista la grande adunanza animalista: dalle 16 in piazza della Borsa, per manifestare contro Continua a leggere

Animali torturati all’Università : Magnifico, ci pensi …


Riprendiamo il tema di conigli e pulcini torturati all’Università di Trieste. Un appello, anzi una raccolta di firme telematica da destinarsi al Magnifico Rettore Peroni (vedi foto) affinché riconsideri il progetto di allargamento degli spazi adibiti a torture su animali. Pardòn, “sperimentazioni”. L’iniziativa, partita e sottoscritta da molti studenti laureati in biologia e medicina, intende mettere in evidenza l’inutilità di talune pratiche estremamente dolorose di cui sono oggetto le bestiole. Abbiamo già parlato di cosa si combini nel nostro ateneo e la storia delle zampette mutilate ai conigli, per metterci delle protesi di titanio che si usano per le dentiere, ci ha dato un certo fastidio. Quindi varrebbe la pena, forse, ma neanche tanto forse, che i vertici accademici una qualche riflessione la facciano su questo andazzo che stona con l’immagine dell’Università fino a oggi trasferita all’esterno. Ricordiamo allora, ancora una volta, l’appuntamento fissato dagli organizzatori per la manifestazione: sabato, dalle16, inpiazza della Borsa.
ecco il link per sottoscrivere l’appello al magnifico Rettore : www.firmiamo.it/stabulariots