Archivi categoria: T R I E S T I N A CALCIO

La sinistra okkupa anche lo sport: un politico diventa presidente di una federazione sportiva.

20140204_EDERA ATLETA

Diciamolo, l’idea che l’Italia fosse il Paese del merito ne eravamo già tutti convinti, ma a dare ulteriore linfa a questo dato di fatto ci ha pensato la Federazione triestina di atletica leggera alle prese con un importante dilemma: chi eleggere come nuovo presidente? La scelta, lo diciamo subito, non si è concentrata sul solito politico, magari in carica, un po’ sovrappeso, chiamato non tanto per la competenza, quanto per avere un aggancio a Palazzo. No, niente di tutto ciò. D’altronde lo sport non Continua a leggere

A Trieste il “GROSSO SINDACO” (Covacich dixit) tiene la delega allo Sport per dimagrire ;)

coso_sport_trieste

È notizia di questi giorni ( a Trieste ) che la delega allo sport, non proprio una caccola visto il numero record di praticanti nella nostra città, è rimasta nelle mani del signor Sindaco. Non ci sarà un assessore quindi, ma il Primo Cittadino nei ritagli di tempo dovrà curarsi di un settore abbastanza in disgrazia da due anni a questi parte, se pensiamo alle sorti Continua a leggere

la parabola dell’assessore Edera (IDV): dai brillanti successi nello sport alla candidatura con la Serracchiani.

20130307-215150.jpg

Anche se era già tutto scritto, ci mancherà. Al talento e alla competenza dell’assessore allo sport di Trieste dobbiamo alcune delle pagine più memorabili di questo nostro sciagurato sito (vedi link sotto): la brillante gestione del fallimento della Triestina Calcio finita in Eccellenza, i ruvidi scambi di opinione con l’allenatore della Pallacanestro Trieste artefice della promozione in serie A2, l’amicizia con il presidente del Cagliari (attualmente ai domiciliari) che però non ha prodotto alcun beneficio per l’Unione e infine il gran finale con l’inaugurazione burletta dello stadio Grezar, a causa della quale il livello tellurico di incazzatura del signor sindaco di Trieste avrebbe raggiunto i ragguardevoli livelli del Ponte non Corto. Insomma, meglio togliersi dalla balle e cambiare aria, e già che Continua a leggere

Gianni Rivera candidato con Tabacci e il centrosinistra : il ballerino sotto le stelle che tirò buca alla mostra di Nereo Rocco.

gianni rivera tabacci

Per fare la morale, per ergersi a persona legata a Trieste in quanto riconoscente ad una figura storica della propria vita come Nereo Rocco, per rappresentare sobrietà e serietà : per fare tutte queste cose bisognerebbe essere coerenti con le proprie azioni. Per questo motivo leggere in una recente intervista rilasciata al Piccolo di Trieste le buone intenzioni espresse da Gianni Rivera, candidato alle prossime politiche con il centro sinistra (Tabacci), fa venire una certa orticaria.
Ma andiamo per ordine e Continua a leggere

Lo strazio dello sport: Trieste (se va bene) diventa una colonia.

20130128-184224.jpg

Giusto per intenderci, non tantissimo tempo fa la Triestina batteva il Palermo e nel basket Venezia risultava fuori dal professionismo. Oggi tutto ciò appare un reperto geologico: in quasi due anni infatti lo strazio della situazione di calcio e pallacanestro, come massime espressioni sportive della nostra città, ha sepolto ogni entusiasmo e ha aperto le porte ai colonizzatori, che non sono Milano o Roma, ma due realtà provinciali non di vertice che si apprestano ad inglobare le reciproche società triestine, sul cui stato di salute il rigor mortis ci sembra l’espressione più appropriata.
Da tempo l’assessore comunale competente in Continua a leggere

ItaliaDeiValori dello Sport. L’ultima dell’assessore Edera: niente Juventus a Trieste perché il Comune si è dimenticato di rendere agibile lo stadio.

assessore per caso

La sua inadeguatezza era stata ben testimoniata dalla cauta e distaccata fiducia che lo stesso sindaco in un’intervista tempo fa gli aveva gelidamente riservato, ma soprattutto è suffragata dalla definizione che un brillante cronista del giornale locale gli ha affibbiato definendolo simpaticamente “assessore per caso allo sport”. Una fama che ha trovato modo di consolidarsi con l’ultima marachella fatta dall’esponente dell’Italia dei Valori che gli è valsa persino la tirata d’orecchi del Piccolo, pagina sportiva. I fatti sono noti: il Cagliari ha i suoi bei casini con lo stadio e aveva fissato come sede alternativa per giocare le sue partite casalinghe Trieste. Questo ancora a giugno. Piccolo particolare il Comune a inizio stagione non ha reso agibile l’impianto e così, quando si è saputo che il Cagliari non avrebbe potuto far disputare in Sardegna la partita con la Juve, invece di spostarla a Trieste, la Lega ha optato per Parma. Sentite le sportellate in faccia che si prende Continua a leggere

Un Edera (Emiliano) che appassisce. Il declino dell’assessore allo sport di Trieste e del suo partito: l’Italia dei Valori perduti alle slot.

Tempi grami per gli Alfieri della legalità, dell’onestà e della morale. L’Italia dei Valori produce a Trieste un assessore comunale. Emiliano Edera, delegato allo sport e ad altre materie di contorno. Di lui si è occupato il giornale, due giorni fa, con un’intervista che di fatto ha rappresentato un necrologio politico: simpaticamente definito “assessore per caso allo sport” e descritto come autore di brillanti risultati quali “il ritorno in Eccellenza (sesta categoria calcistica) della Triestina”, al Nostro è stato chiesto quale fosse il suo rapporto con il Sindaco: “costruttivo”, ha risposto senza troppa lucidità Edera, ignorando forse che questo termine indica Continua a leggere

Imperdibile! MAI DIRE GIUNTA comunale (Trieste): comincia l’assessore Edera che, ignorando la Triestina e violentando la lingua italiana, ci parla di un anno di amministrazione (?).

Un video di circa tre minuti il cui effetto è esilarante, oltre che imbarazzante. Rammarichi che diventano “rammarici” e l’argomento del disastro della Triestina volutamente censurato. Questi i passaggi imperdibili dell’intervista all’assessore Edera, nell’ambito di un’iniziativa promozionale che coinvolge gli esponenti della giunta comunale di Trieste. La cosa va su youtube e quindi nulla può rimanere impunito, soprattutto in un momento in cui dall’assessore allo sport si vorrebbero sentire le ragioni di un operato che ha portato di fatto la Triestina ad una triste estinzione, perché – con tutto il rispetto – fare l’Eccellenza con il San Luigi e la Gemonese‎ non rientra in un concetto di dignità che la storia e la tradizione alabardata meritano.
Buona visione.

Ps. #maidiregiunta ritornerà con altre esilaranti puntate nei prossimi giorni.

CLICCA SU MAIDIREGIUNTA NEL MENU’ RUBRICHE CHE TROVI NELLA COLONNA A DESTRA .

Lutto Triestina: i soldi che mancavano per la D sarebbero stati bruscolini per le Generali, ma qualcuno glieli ha chiesti? Intanto gli sloveni del Kras diventano la prima società calcistica di Trieste.

(*)

Ormai è già stato scritto tutto su questa patetica storia triestina, anzi della Triestina finita in Eccellenza a giocare contro il Cervignano e il San Luigi. Una cosa però ci sta proprio sul gozzo, perché se è vero che solo da queste parti ci si divide persino sulla salvezza della società di calcio (inimmaginabile pensare che qualcosa di simile sarebbe potuto accadere a Udine), è anche vero che 300mila Euro per uno dei colossi finanziari presenti in città sarebbero stati bruscolini, magari da far erogare a qualche società satellite, se proprio non ci si voleva sporcare il blasone con le miserie della serie D calcistica. Trieste avrebbe capito e avrebbe apprezzato. Perché non è stato fatto? Perché quando il Comune Continua a leggere

#Triestina: meglio l’accanimento terapeutico del gruppo voluto dal Comune o la parvenza di dignità della proposta Irneri?

La Quinta serie, ma siamo impazziti? Se, chi doveva seguire in maniera adeguata la situazione della Triestina, sapesse di cosa stiamo parlando, forse non si sarebbe neanche sognato di proporre una simile umiliazione ad una società che nella sua storia ne ha sì passate di tutti i colori, ma oltre al purgatorio della serie D non è mai sprofondata. Eppure, fosse stato per l’opera messa in campo dal Comune, saremmo nelle mani Continua a leggere