Archivi tag: 1

La Serracchiani versione osteria n. 20 urla “CAZZO” in diretta nazionale (ecco il video)

Diciamocelo da lei non ce lo saremmo mai aspettato. Perchè quando comparve per la prima volta, diffusa ad effetto moltiplicatore sul web in tutto il mondo, Deborah Serracchiani era la voce naturale della base del PD: giovane, preparata e schietta, ingentilita dalle fattezze appena post adolescenziali, nonostante la boa degli anta fosse lì a due passi. Ma la frangetta e la dizione priva della benché minima inflessione dialettale erano soprattutto sinonimo di postura morale e di educazione. Erano. Perchè ieri sera, in tivù su La 7, è bastato un ex no global qualunque che la stuzzicasse sullo stipendio da europarlamentare, e sull’inutilità del suo ruolo, che dalla sua bocca uscisse la parola urlata corrispondente all’organo genitale maschile. Sì, ha detto “cazzo,” come all’osteria numero venti, o peggio ancora per lei, come in quelle trasmissioni dove Continua a leggere

Annunci

Nuovi incarichi in Comune. Coincidenza: presi tre architetti che insegnano, scrivono libri e pubblicazioni con l’assessore Marchigiani

Quante possibilità ci sono che un meteorite ci cada in testa mentre camminiamo per strada?
Circa una su sei milioni.
Quante invece una cinquina al lotto?
Una su 43 milioni.
E quante sono infine le probabilità che su 45 candidati per tre posti di consulente vincano tre che hanno avuto rapporti di lavoro e studio con l’assessore competente, l’ arch. Elena Marchigiani – (foto a sx)
Se siamo a Trieste le possibilità sono altissime visto che questo complesso quadro astrale si è avverato. Di cosa stiamo parlando? Semplice della determinazione dirigenziale 24/2012 (LINK), per la precisione. E ancora più per la precisione della procedura comparativa per il conferimento di 3 incarichi professionali per attività tecnica finalizzata all’approvazione del Piano regolatore, che ha determinato la scelta di tre professionisti a cui andranno 26mila Euri all’anno (a testa !).
Nomi: la prima è Continua a leggere

Val Rosandra (2). Atti secretati dal Comune di San Dorligo. Confermata la pista aliena: questo monolite testimonierebbe un’invasione extraterrestre in atto.

(clicca qui per il nostro reportage precedente, con gli antefatti della vicenda)

La clamorosa svolta del segreto di Stato imposto dal sindaco di San Dorligo sull’incartamento relativo all’operazione della Protezione civile in Val Rosandra non ha ancora esaurito il suo impatto nella pubblica opinione mondiale che il Bollettino propone un altro clamoroso scoop. La gola profonda del Municipio di San Dorligo, questa volta da noi incontrata nel reparto delle slot machine del minicasinò di Sesana, fra un bicchiere di Fructal e venti Euro buttati via alle macchinette, ci ha consegnato dell’altro materiale a dir poco scottante. In particolare c’è una foto scattata in quella famosa domenica che lascia pochi dubbi. Continua a leggere

SINDROME HONSELL: CONTAGIATI SINDACO E POROPAT, LATITANTI ALLA MARCIA PER I SOLDATI PRIGIONIERI IN INDIA.

Senza clamori, non proprio pompata dai mezzi di informazione, ma con la dignità che si confà ai militari, si è tenuta sabato scorso a Trieste la marcia di solidarietà per i Marò prigionieri in India che – lo ricordiamo – prima dell’arresto erano impegnati a difesa di una nostra nave commerciale in un territorio infestato dai pirati. Presente lo Stato, con il Prefetto Giacchetti; chi ha tirato buca invece sono stati Continua a leggere

Ufficio collocamento del Comune: 7mila Euri alla psicologa candidata PD alle ultime regionali (25 preferenze)

CLICCA PER INGRANDIRE

CLICCA PER INGRANDIRE

Una macchina da guerra. Dopo aver piazzato la moglie dell’onorevole Maran (Pd) ai vertici degli uffici dedicati al Prg. Dopo aver prodotto volantini di riunioni di partito con dirigenti comunali (pagati da tutti i contribuenti), il Pd (Potere Difaretutto) prosegue la sua marcia da catena di montaggio e oggi, sempre della serie le coincidenze della vita, salta fuori la psicologa all’ufficio mobbing, così segnala il consigliere di opposizione PAOLO ROVIS con un’interrogazione. Procedura comparativa con altri candidati, c’è scritto sulle carte, sulle quali carte però non viene riportato l’elemento che lega oggettivamente alla politica la dottoressa Pellizzoni: candidatura con il Pd alle ultime regionali risultando per altro ultima nelle preferenze (25). Avanti così dunque, senza pietà: okkupare posizioni, distribuire consulenze, aumentare i costi, tirando fuori ogni tanto la storiella della società civile, in allegato a quella degli integerrimi professionisti, ma pescando comunque dalla liste elettorali.

(CLICCA QUI PER IL TESTO COMPLETO DEL DOCUMENTO DI AFFIDAMENTO DELLA CONSULENZA)

notizie correlate (clicca sul titolo per aprire gli articoli)
1) ASSUNZIONE MOGLIE DELL’ONOREVOLE
2) FUNZIONARI PUBBLICI A RIUNIONI DI PARTITO

LA CONVENIENZA DELLE POMPE IN YUGO VIENE DA LONTANO: DALL’ ETIOPIA

 PERCHE’ LE POMPE D’ OLTRECONFINE CONTINUANO AD ATTRARRE I TRIESTINI ?
LE MOTIVAZIONI RISALGONO ANCHE AI TEMPI DEL DUCE.

Ma ci sarà un perché in Italia si paga la benzina più cara d’Europa e le pompe in Yugo continuano ad essere un’attrattiva irresistibile per i triestini? Semplice, il 52% del prezzo è determinato dalle tasse, perché queste, a differenza delle altre, lo Stato è sicuro di riscuoterle. Sì, ma cosa ci paghiamo con queste accise: asili, ospedali, scuole, ricerche mediche? Non proprio, o meglio non del tutto. Prendetevi del valium e leggete quanto stiamo per scrivere. L’elenco dei balzelli, infatti, sembra la sceneggiatura di Zelig: 1,03 millesimi di Euro al litro vanno per finanziare la guerra d’Etiopia; no, niente paura, Monti non ha invaso stamattina il simpatico stato africano, stiamo parlando infatti dell’avventura militare del Duce avvenuta 77 anni fa. Un’altra tassa è per la crisi del Continua a leggere

SU “LA STAMPA” DI TORINO: TRIESTE CON LA BORA E’ UNA CITTA’ DI SQUILIBRATI MENTALI !!

CARTOLINA DA TRIESTE

A Trieste in ogni famiglia c’è un matto, o quantomeno uno strambo. Ce lo dice La Stampa che ha pubblicato una simpatica paginata dedicata alla bora, firmata dal signor Giuseppe O. Longo. Continua a leggere