Archivi tag: bersani

video esclusivo: cosa accadde nella sede del PD durante le elezioni politiche 2013.

video caduta del PD

NO, NON E’ FARINA DEL NOSTRO SACCO .
 Troppo divertente tuttavia per  lasciar vagare nel web questo video senza che Il Bollettino lo riprendesse. I complimenti agli autori ovviamente…. e non aggiungiamo altro. Buona visione e preparatevi a ridere fino alle lacrime!

(avvisiamo il pubblico più sensibile che il video contiene alcune, anzi parecchie, parolacce)

Annunci

Serrakkiani coerenza : ieri era contro Renzi, oggi gli sta incollata per grattare voti.

SERRAKKIANI OPPORT
Chiamiamola operazione verità: ovvero quello che di solito agli “altri” non viene risparmiato. Stiamo parlando di incoerenza applicata attraverso un trasformismo di idee e di pensiero che, nel caso della romana Serracchiani, viene generalmente trascurato da chi di solito invece è molto attento alla disciplina degli altri politici. Lei nell’universo mediatico evidentemente gode di un salvacondotto e ne prendiamo serenamente atto. Non qui però ! E sulla comparsata di Renzi ieri in Regione, nei confronti del quale la candidata del Pd si è dimostrata sodale e adorante, vale la pena rispolverare (come ha fatto la Lega) alcune dichiarazioni della Serracchiani pronunciate proprio sul sindaco di Firenze qualche mese fa all’epoca delle primarie contro Bersani. Beh, direte voi, saranno state – avendo visto le scene di ieri – certamente parole di sostegno e di stima nei confronti di Renzi. E come no, leggete un po’  qua: “Matteo Renzi dovrebbe restare a fare il sindaco di Firenze». Debora Serracchiani prende le distanza dal collega di partito. «Se fossi in lui – dice l’europarlamentare Pd – mi sarei presa un po’ più di tempo perchè i fiorentini vogliono un sindaco che magari resti a lungo». Nemmeno l’idea del camper la convince, «è un dejà vu, l’abbiamo già vista in altre campagne”. La fonte, più che autorevole, è quella del Sole 24 Ore (link a fine articolo) e riporta affermazioni che ancora una volta rappresentano plasticamente la cinica volatilità, e quindi l’inaffidabilità, del pensiero della Serracchiani. Declinato il tutto a cose più serie, come i programmi di governo e i progetti da realizzare per il Fvg c’è da che essere preoccupati, perché in questo momento c’è bisogno di persone affidabili e coerenti, e non certo di bandierine pronte a cambiare idea a seconda del vento che tira.

link all’articolo del Sole24 ore – clicca qui

altro link al Sole24 ore su medesimo argomento – clicca qui

Cayman Renzi inizia il killeraggio del PD : annunciato uno studio sugli sprechi del partito.

20130312-195124.jpg

Grande è la confusione sotto il cielo e la situazione è eccellente. Così avrà pensato, alla stregua di Mao, il giovane Cayman Renzi, perché l’odore di materia organica in decomposizione ha impregnato le mura di via Nazareno, base romana del PD di rito Bersaniano.
Rottamatore, distruttore , azzeratore e da oggi fustigatore degli usi e costumi finanziari di un partito verso il quale egli ha sempre più manifestato insofferenza che appartenenza. Anche per questo, forse, Cayman Renzi non si commuove, né si impietosisce, davanti alla goffaggine di un sempre più azzoppato Gargamella Bersani. Senza pietà dunque, e come vede il sangue del PD scorrere dalla ferita a cinque stelle, Cayman, facendo finta di voler metterci la benda, in realtà ci infila il coltello: ” voglio fare uno studio sugli sprechi del PD “. Una frase che pronunciata in una momento come quello attuale produce lo stesso effetto di una bomba a mano fatta esplodere all’interno di un affollatissimo rifugio antiaereo dei Vietcong. Una strage garantita. E non ci vuole molto ad immaginarlo, dopo l’emersione recente della paghetta prevista per l’ex parlamentare in attesa di pensione Livia Turco.
È forse lei l’unico tirannosauro alimentato dall partito democratico o ce ne sono altri ?
Cayman Renzi tutto questo lo sa benissimo e il suo fine primario è uno solo: il Killeraggio. Una raffica di mitra sul PD, sulle statuine del presepe democratico e su quei finti giovani spruzzati un pò qua e un po’ là per coprire l’odore di muffa. Insomma la spietatezza del vecchio democristiano mista all’arroganza dell’ambizione 2.0. Un mix micidiale questo, al cui confronto il cacciatore di taglie dell’ultimo film di Tarantino sembra un volontario della Caritas. Cayman Renzi ha davanti a se un’ autostrada : un po’ di lavoretto sporco glielo hanno già fatto quelli della setta Grillology, umiliando quotidianamente il PD ed il suo indebolito gruppo dirigente. Ma la setta Cinquestellata non potrà mai essere una vera e credibile proposta di governo, mentre a far fuori il PDL ci stanno pensando in questi giorni i dottori delle visite fiscali. Così alla fine Cayman sa che potrà essere solo lui quello che emergerà dal caos, dal brodo primordiale in cui ribolle la triste Italia di oggi.
Renzi ha lo striscione traguardo davanti a se, prima però ha un lavoretto da finire: ” voglio fare uno studio sugli sprechi del PD ” …..

Grillo: con l’arruolamento di Dario Fo si certifica la matrice rossa dei candidati. Bersani intanto è già pronto al “reclutamenting” …

20130221-000150.jpg

Decisamente facile per il vecchio grillone pescare a mani basse nella popolosa tonnara elettorale degli incazzati e dei delusi della politica. Un vero lusso, che da un lato gli consente di ruffianarsi con Casa Pound e dall’altro di portarsi il Kompagno Dario Fo sul palco del mega comizio di Milano; la congiuntura storica gli dà anche l’opportunità da una parte di abbracciare la lotta dei No Tav e dall’altra di imbarcare i piccoli imprenditori incazzati del Nordest, i quali – piccolo inciso – senza l’indotto delle grandi opere pubbliche e dell’edilizia sarebbero destinati ad una tracollo rapido e doloroso. Ma il voto di protesta, è risaputo, non bada a queste sottigliezze…
La cosa importante per Continua a leggere

senza parole… ( a volte ritornano )

SENZA PAROLE …..

20130218-102602.jpg

Ultimo sondaggio Sky (8/2/13): centrodestra in Regione Fvg mette la freccia e supera Bersani

sorpasso

Venerdì 8 è l’ultimo giorno per pubblicare sondaggi elettorali in vista delle politiche del prossimo 24 febbraio. Considerato che in virtù della lex elettorale la partita per la governabilità la si giocherà al Senato, i più importanti istituti demoscopici hanno preso in esame le intenzioni di voto degli elettori nelle singole Regioni; Friuli Venezia Giulia compreso, anche se, viste le sue dimensioni ridotte, il suo peso specifico è relativo rispetto a Sicilia e Lombardia. Ebbene, fra i sondaggi pubblicati l’ otto febbraio spicca quello di SKY, la Tv a pagamento che fa capo a Murdoch, storico concorrente, per non dire avversario, del Cavaliere. Il canale satellitare più seguito del Paese ha dedicato una finestra alla nostra Regione e il risultato è stato a dir poco soprendente: il centrodestra ha infatti superato la “gioiosa macchina da guerra” di Bersani recuperando ben tre punti di svantaggio.
Quindi fra IMU, comizio del Berlusca a Trieste – con relativo bagno di folla – e scissioni eccellenti all’interno del Partitone, il PD perde un colpo e si troverebbe, secondo questa ultima rilevazione, alle spalle della coalizione di centro destra. Finisse veramente così per la coalizione guidata in regione dalla romana Serracchiani, sarebbe un colpo non facile da riassorbire in vista delle elezioni regionali di Aprile in Friuli Venezia Giulia.

clicca qui per i dati del sondaggio SKY del 7 febbraio 2013

Regionali 2013: il nuovo sito della Serracchiani lo gestisce un renziano doc del PD udinese.

20130107-204808.jpg

Non è detto che le prossime elezioni regionali si giochino principalmente sul web, ma intanto i due principali contendenti sono stati messi a confronto dalla stampa che osserva questo fenomeno con un certo interesse. È così sul Messaggero Veneto è apparsa la notizia del nuovo sito della candidata del Pd, Debora Serracchiani. Oddio, più che un sito, sembra un interrogatorio della questura, visto che l’unica via d’accesso è la richiesta di tutta una serie di dati personali per l’entrata nel database destinato alla comunicazione della campagna elettorale. Altro non c’è. Va rilevato che l’home page, un po’ scopiazzata nella forma dal logo di Turismo Fvg, presenta un grave errore grammaticale. Grave nel Continua a leggere

Rosy Bindi, dopo Silvio (“più bella che intelligente”) adesso anche il Sindaco di Trieste la sfotte (“Bersani vince se la Bindi non va in tivù ogni sera”)

Cambiano in fretta i tempi. Lo sa bene Rosi Bindi, ieri icona della sinistra anti Berlusconi, oggi presa per i fondelli dai suoi stessi Kompagni di partito; ieri simbolo dell’emancipazione femminile contro le modelle di Arcore, oggi ripudiata financo dal Primo cittadino della nostra Trieste. Eppure per lei tre anni fa, non trenta, scesero in campo le donne impegnate – culturalmente – del Pd, con tanto di maglietta (Non sono una donna a tua disposizione) a lei dedicata per esprimerle solidarietà contro il sarcasmo politicamente scorretto  dell’allora Premier: quel “più bella che intelligente” a dire il vero già edito da Sgarbi un decennio prima. Ma ieri per la Bindi è arrivata la mazzata anche dal Sindaco Cosolini, il quale senza andare tanto per il sottile su facebook e su twitter ha invitato la stessa Bindi a stare a casa e non partecipare ai talk show dedicati alle primarie, altrimenti Bersani rischia di perdere quel Continua a leggere

Giovani contro anziani nel PD: capitan Faraguna sfotte Bruno Zvech

I figli che uccidono – politicamente – i padri, i giovani che vogliono fare le scarpe a quelli più anziani, le nuove generazioni che premono affinché quelli coi capelli bianchi  si levino dalle posizioni di potere. E’ questo il mantra dei nostri tempi ben incarnato da Cayman Renzi e che dalle nostre parti trova anche qualche proselito, tipo ad esempio il consigliere comunale Faraguna, noto skipper, il quale in uno dei suoi interventi sui social network si è lanciato in un irrispettoso attacco al consigliere regionale Bruno Zvech: stesso partito (Pd), ma diverse date di nascita. “Zvecchiamo il partito”, più o meno, lo slogan usato dal giovane consigliere municipale  per prendere per il culo chi, Continua a leggere

Doctor Lupieri e mister Hyde: di giorno, supergiovane, abbraccia Cayman Renzi, ma la notte torna all’ovile con Bersani.

Non ci potevamo credere quando abbiamo letto il suo nome nella Bersani’s list triestina pubblicata dal Messaggero Veneto di due giorni fa. Lui che come un supergiovane qualunque si era fatto fotografare ammiccante a fianco di Cayman Renzi in occasione della Barcolana. Per questo abbiamo deciso di dedicare uno spazio speciale a Sergio Lupieri, consigliere regionale ansioso di notorietà, la stessa che questa istantanea con Cayman Renzi gli diede per un giorno, salvo poi tornare all’ovile e schierarsi allineato con Bersani. D’altronde il pesce odora dalla testa e se la stessa candidata alla presidenza della Regione Serrakkiani culeggia senza voler scegliere con chi schierarsi alle primarie, cosa si può pretendere dal povero Lupieri se non le foto ricordo ad uso e consumo dei giornali ?

CLICCA QUI PER TUTTA LA LISTA DI CHI VOTERÀ BERSANI ALLE PRIMARIE

clicca qui per un’altro nostro articolo su Renzi e Lupieri