Archivi tag: consigliere comunale

Guida pratica per come sperperare soldi pubblici a Gorizia. Thanks to Slovenska Skupnost.

palestra gorizia

Esiste una legge per la tutela delle minoranze linguistiche ed esiste il buon senso.
Gli esponenti politici della minoranza slovena di Gorizia chiedono che il Comune spenda i soldi pubblici per “adeguare” una struttura adibita temporaneamente a palestra per gli alunni delle scuole con lingua d’insegnamento slovena. Ora, vista la temporaneità del provvedimento ( un anno circa ) e vista la crisi economica che attanaglia tutti i Comuni Italiani, ci sembra lecito chiedersi dove risieda il buon senso nella richiesta avanzata dai consiglieri comunali della Slovenska Skupnost goriziana. Ma ci fermiamo qua per lasciare spazio alla riflessione (pubblicata anche sul quotidiano locale isontino) di un altro consigliere comunale, che in poche righe, colorite da perspicace ironia, ha ben inquadrato tutta la questione. Buona lettura.

Rimango colpito, uso un eufemismo, dall’interrogazione dei colleghi consiglieri comunali della Slovenska Skupnost (Tabaj, Korsic e Bandelj ndr) in merito all’utilizzo del Continua a leggere

Annunci

Costi della politica: in Friuli i piccoli comuni si accorpano, a Trieste manteniamo Monrupino con 800 anime.

20121204-192508.jpg

E finita sul Corriere della Sera l’unione dei comuni friulani di Rivignano e Teor. Risultato: un solo sindaco e costi amministrativi abbattuti (200mila Euro), per non parlare dei 70mila di compensi ai politici e 30mila per i revisori dei bilanci. Un nell’esempio corroborato dal fatto che questa scelta è passata attraverso un referendum consultivo, che ha dato il pieno consenso della popolazione coinvolta a questo storico passaggio. Per la cronaca i due piccoli comuni adesso andranno a formare un unica realtà di oltre seimila abitanti. Ma mentre in Friuli dalle parole si passa ai fatti, qui da noi tutto tace, pur in presenza di situazioni che gridano vendetta al cielo. Pensate a Monrupino, 800 abitanti, che dispone di un apparato Continua a leggere

Giovani contro anziani nel PD: capitan Faraguna sfotte Bruno Zvech

I figli che uccidono – politicamente – i padri, i giovani che vogliono fare le scarpe a quelli più anziani, le nuove generazioni che premono affinché quelli coi capelli bianchi  si levino dalle posizioni di potere. E’ questo il mantra dei nostri tempi ben incarnato da Cayman Renzi e che dalle nostre parti trova anche qualche proselito, tipo ad esempio il consigliere comunale Faraguna, noto skipper, il quale in uno dei suoi interventi sui social network si è lanciato in un irrispettoso attacco al consigliere regionale Bruno Zvech: stesso partito (Pd), ma diverse date di nascita. “Zvecchiamo il partito”, più o meno, lo slogan usato dal giovane consigliere municipale  per prendere per il culo chi, Continua a leggere

Sprechi non denunciati: perché dobbiamo mantenere un Comune di 800 anime che sul sito istituzionale pubblicizza ristoranti ?

E’ come la pubblicità del vincere facile, di questi tempi, attaccare la politica per invocare TAGLI alla spesa pubblica. Talmente facile che almeno dalle nostre parti passano inosservati dei veri e propri paradossi a quella che è una tendenza al risparmio certificata in primis dal Governo Monti. Esempio: quale ragione d’essere può avere un Comune di 800 anime, cioè l’equivalente di cinque condomini, con tutto il codazzo di uffici, spese di gestione, personale e soprattutto burocrazia? E badate bene che non è certo un discorso di “casta” in quanto sindaco, assessori e consiglieri comunali rappresentano una parte praticamente irrilevante dei costi di tutta la struttura. Possibile che in mezzo alle tante campagne stampa, alla raccolta di firme per abrogare questo e quello, mai si sia posto l’accento sul fatto che nella nostra Provincia una località come Monrupino sia un Comune ? Ottocento rispettabili anime che a Trieste rappresenterebbero Continua a leggere

Assunzioni esterne, va in scena Il Sel addormentato: strali vendoliani a scoppio ritardato.

E un sonno con sveglia ritardata quello del Sel in Comune. Sonno, nel senso che quando accadono talune cose il partito di Vendola semplicemente dorme, e non vede. Poi c’è il risveglio, a scoppio ritardato, e partono gli strali, un po’ sterilini a dire il vero. Ma d’altronde è difficile per Marino Sossi (foto), consigliere comunale ed ex sindacalista di lotta della Cgil, digerire senza bicarbonato l’assunzione della moglie di Maran e il disinvolto ricorso agli esterni (ultimo quello della psicologa candidata con il Pd): lui, che fino ad un anno fa tuonava Continua a leggere