Archivi del mese: novembre 2012

La Repubblica del Rigassificatore. Altre imperdibili paginate sull’impianto di Zaule. Ministri in disaccordo: Clini per il no (dice il sindaco), Passera invece per l’ok.

20121130-161420.jpg

Rumiz di lotta, sul Piccolo quando chiede le dimissioni della giunta regionale (anche di quella precedente?) [link] ,
un Rumiz meno “aggressive” invece su Repubblica di oggi, dove, pur tirando diverse mine, riporta anche il parere positivo degli industriali locali, evitando però di citare l’attuale main supporter del progetto, il Ministro Passera che, ipse dixit: “Il Rigassificatore è un progetto indispensabile”. Punto. Dopo la paginata di ieri sul Sole, oggi sopraTrieste e il suo discusso impianto di metano splende la luce del quotidiano fondato da Eugenio Scalfari, con un lenzuolo dedicato alle nostre Continua a leggere

Annunci

Rigassificat24Ore. Paginata del giornale di Confindustria a favore dell’impianto. Min.Passera: “progetto indispensabile”.

Il Rigassificatore di Trieste è “sotto attacco”, titola a tutta pagina oggi Il Sole 24 Ore, e a difenderlo ci pensano due articoli che illustrano uno scenario in cui la mancata realizzazione viene fatta apparire con un’occasione persa di sviluppo. A tal proposito ci vengono servite in un boxino le cifre dei benefici: 800 addetti per la costruzione dell’opera, 470 posti di lavoro (compreso l’indotto) a regime, 500 milioni di investimento. Uno dei due articoli è visibile liberamente (link a fine articolo) , dell’altro che è titolato “l’analisi” dovete accontentarvi di qualche passaggio estrapolato con l’intento di cogliere gli aspetti più significativi:
“Il Rigassificatore di Trieste – scrive Marco Morino – è un’infrastruttura Continua a leggere

Traffico caos in via Valdirivo: fanno i fighi con un cartello in sloveno lasciando una segnaletica insufficiente fra le maledizioni degli automobilisti.

Volevano far emergere la nuova prospettiva internazionale della città con una parola in sloveno per segnalare i lavori in via Valdirivo: “OBVOZ“. D’altronde quando al potere vanno gli illuminati le regole cambiano e bisogna adattarsi. Peccato che i nuovi fenomeni, nella prospettiva dei massimi sistemi, si siano dimenticati di integrare la loro svolta bilinguista con un’opportuna segnaletica che indirizzasse in maniera corretta gli automobilisti triestini, i quali stanno affrontando il calvario di dover Continua a leggere

Rosy Bindi, dopo Silvio (“più bella che intelligente”) adesso anche il Sindaco di Trieste la sfotte (“Bersani vince se la Bindi non va in tivù ogni sera”)

Cambiano in fretta i tempi. Lo sa bene Rosi Bindi, ieri icona della sinistra anti Berlusconi, oggi presa per i fondelli dai suoi stessi Kompagni di partito; ieri simbolo dell’emancipazione femminile contro le modelle di Arcore, oggi ripudiata financo dal Primo cittadino della nostra Trieste. Eppure per lei tre anni fa, non trenta, scesero in campo le donne impegnate – culturalmente – del Pd, con tanto di maglietta (Non sono una donna a tua disposizione) a lei dedicata per esprimerle solidarietà contro il sarcasmo politicamente scorretto  dell’allora Premier: quel “più bella che intelligente” a dire il vero già edito da Sgarbi un decennio prima. Ma ieri per la Bindi è arrivata la mazzata anche dal Sindaco Cosolini, il quale senza andare tanto per il sottile su facebook e su twitter ha invitato la stessa Bindi a stare a casa e non partecipare ai talk show dedicati alle primarie, altrimenti Bersani rischia di perdere quel Continua a leggere

Quelli che… il rigassificatore: contemporaneo psicodramma triestino.

Siamo alla frutta. La città langue. Le industrie chiudono. Il Natale si prospetta a Trieste ancora più buio dell’anno scorso con gli alberi senza le luci. Fosse questo il problema, comunque. Su una cosa però in molti trovano una prospettiva di esistenza. Una fonte di speranza per il loro futuro: la lotta contro il rigassificatore. C’è da dire che gli spagnoli ci hanno messo del loro, non ultima l’iniziativa di seminare dei gazebo presidiati da giovani studenti noiosamente intenti a leggere libri e un po’ distanti da un’idea di informazione trasparente per i cittadini. In questo quadro, caotico e contradditorio, ci sono quelli… (clicca su continue reading)  Continua a leggere

Recupero dei ruderi di Trieste: i progetti li fanno gli ex-allievi ‘win-win’ dell’assessore Marchigiani.

C’è un gruppo di giovani “architetti” che ha ottenuto spazi e finanziamenti per, in parole povere, individuare vecchi ruderi di Trieste ed andare dal proprietario per proporgli un progetto di recupero. Gratis. Cioè li pagano gli sponsor pubblici o para pubblici, ma dentro alla cosa ci sono anche Provincia e Comune. Il gruppo di architetti, per una curiosa coincidenza, sono stati allievi dell’assessore comunale Elena Marchigiani e sono riuniti sotto il simpatico nome di ManifeTs2020. Sempre della serie le coincidenze della vita atto secondo, alcuni di loro hanno anche prestato la faccia alla non proprio fortunatissima iniziativa Inside Out, quella dei catafalchi arrugginiti i piazza della Borsa. Tornando al censimento dei palazzi in rovina il Piccolo, nell’articolo del 16 novembre definisce il linguaggio del progetto “molto fashion” mentre i ragazzi, cioè gli architetti, parlano di Continua a leggere

Assunzione esterna a San Dorligo: cercavano un addetto stampa o un maniscalco? Please, leggere l’avviso pubblico…

Incuriosisce e ha creato attenzione la vicenda legata al bando fatto uscire a ridosso di ferragosto dal Comune di San Dorligo per l’assunzione di un esterno impiegato ad una serie di mansioni, alcune delle quali espressamente riconducibili ad un addetto stampa. Se qualcuno a tal proposito avesse dei dubbi basta leggere l’avviso pubblico (link) : il prescelto, infatti, fra le altre cose dovrà curare “l’informazione dell’amministrazione e del Sindaco”, “la diffusione di comunicati stampa” e “la rassegna stampa e il monitoraggio di temi ed articoli di interesse per l’Amministrazione comunale pubblicati su Continua a leggere

Capriole politiche in salita: Antonione adesso flirta con la Serracchiani !

Una buona notizia per il centrodestra in chiave regionale. Per le prossime elezioni, infatti, l’ex sottosegretario Antonione strizza l’occhio alla Serracchiani e si fa fotografare in prima fila ad un convegno organizzato dalla di cui medesima candidata governatrice della sinistra. Una svolta che potrebbe portare un beneficio in termini di consenso al presidente uscente Tondo, visto che alle ultime comunali di Trieste il dott. Roberto Antonione, correndo da candidato sindaco, riuscì nella non facile impresa di prendere meno voti delle liste che lo sostenevano. Proprio un anno fa, di questi tempi, il Nostro uscì dal Continua a leggere

Inarrivabile nonno Miracco, il consulente del Comune di Trieste pagato per scaricare le colpe su chi c’era prima.

Sarà l’esperienza (notevole a 72 anni), sarà il molteplice ruolo (lavora anche per il Ministero), saranno i 36mila all’anno come consulente del Comune per la cultura, sarà per tutto questo che nonno Miracco ha risposto un po’ piccato al Piccolo che domenica gli chiedeva che cosa ha combinato in questo anno di lavoro per il Municipio. Lavoro da casa, s’intende, perché all’interno degli uffici della sua presenza c’è poca traccia. Bontà sua, comunque che ci ha tranquillizzato tutti: “Si sta lavorando su Grandi progetti”. Quali? Non è dato a sapere, ma sono dettagli. Comunque: ”Mi auguro si vedano nel 2013” e se lo augurano anche i triestini che gli pagano lo stipendio. Ma intanto, siccome c’è Continua a leggere

Gli intoccabili: i Sindaci di San Dorligo e Duino se ne sbattono della crisi e assumono esterni

E’ un altro mondo. Circoscritto da un confine invisibile. E’ la terra dei piccoli comuni della Provincia di Trieste. Completamente immuni dal verbo della spending review. E seppur in un clima generale di grande attenzione per le spese degli enti pubblici, nessuno ha niente da dire se, nell’ordine: San Dorligo, paese di 5mila anime, assume un addetto stampa su scelta personale del sindaco senza che sia richiesta l’iscrizione all’Ordine dei giornalisti. In altre occasioni abbiamo assistito a denunce e Continua a leggere